IL PROGETTO S.O.S.S. NELLA SCUOLA SECONDARIA DI I° E II° GRADO

Come nasce il progetto di preparazione al volontariato operativo nelle scuole?

Il 7 Febbraio il MIUR ha voluto celebrare la giornata nazionale contro il Bullismo e Cyberbullismo avendo purtroppo sui media eventi drammatici legati agli adolescenti vittime del problema.

La generazione degli studenti che attualmente hanno dai 13 ai 18 anni, definita iGEN, è cresciuta in un mondo in cui essere connessi alla rete è un fatto acquisito e normale, ma i rischi connessi all’abuso dello smartphone e del computer sono in continua crescita.  I ragazzi sono spesso soli, in una comunità virtuale, si sentono insicuri e inadeguati, ma anche curiosi e attenti, molto immaturi e decisamente impreparati a situazioni di emergenza.

La totale dipendenza dal telefono cellulare e da internet (che porta alla NOMOFOBIA, la paura di non avere connessione) è in quest’ottica estremamente preoccupante, poiché sono migliaia i ragazzi che hanno deciso di chiudersi all’interno della propria stanza. Tantissimi genitori ed insegnanti si sono accorti troppo tardi che il mondo “digitale” è assolutamente concreto, e porta a conseguenze molto spesso drammatiche, come patologie di depressione, ansia, insicurezza e mancanza di autostima.

Al fine di permettere un veloce recupero delle caratteristiche naturali e degli interessi nei nostri giovani studenti, in collaborazione con le più importanti organizzazioni di volontariato e soccorso nazionali e alle associazioni locali specializzate nell’educazione, nell’ambiente e nella pratica sportiva, abbiamo realizzato il corso di formazione per le Squadre Operative Soccorso Studenti.

I Campi Soss (Squadre Operative Soccorso Studenti) sono ideati per dare l’opportunità agli allievi partecipanti di diventare soggetti attivi ed utili, con capacità di operare in gruppo e nelle emergenze.

Le attività nel bosco, i giochi all’aperto, la possibilità di imparare a cucinare con il fuoco di legna e di diventare abili come gli escursionisti più esperti si alternano alla ricerca delle tradizioni e della nostra storia. Riappropriandosi del normale ciclo dell’essere umano (alzandosi la mattina presto, il risveglio muscolare, la colazione collettiva, le attività in squadra ecc.) gli allievi realizzano immediatamente la propria dipendenza dai telefonini e dai problemi causati dagli sfasamenti biologici del normale ritmo veglia/sonno, creati stando la notte a giocare o rispondere ai social, con forti livelli di elettrosmog.

Il corso di formazione permette di acquisire il Brevetto SOSS e le competenze necessarie per poter operare in emergenze di vario tipo, esattamente come nello sport, la pratica del volontariato richiede disciplina e volontà, gli allievi iniziano a praticare le tecniche ed a vivere lo spirito del servizio con un addestramento ed allenamento continuo, diventando cittadini utili ed attenti, preparati ai cambiamenti della nostra società.

Per informazioni Riccardo 3939445951